Tatuaggi e sole: cosa sapere prima dell’esposizione solare

1486
tatuaggi e sole

Tatuaggi e sole: cosa sapere prima dell’esposizione solare

Tatuaggi e sole vanno d’accordo? Per rispondere a questa domanda dobbiamo dare una serie di utili consigli che saranno fondamentali per chi desidera esporsi al sole salvaguardando i propri tatuaggi.

Sono sempre di più le persone che hanno almeno un tatuaggio. C’è chi sceglie di farsi tatuare un simbolo, chi una frase, chi un piccolo soggetto un po’ per moda e chi una immagine con un significato particolare. Insomma, un numero sempre crescente di uomini e di donne scelgono di approcciarsi al mondo del tattoo ed è per questo motivo che è importante sapere anche come curare i propri tatuaggi.

In particolare è utile sapere tutto su tatuaggi e sole, così da non avere problemi.

Tatuaggi e sole: consigli utili

Il primo consiglio che un tatuatore dovrebbe sempre dare è quello di proteggere la propria pelle prima dell’esposizione solare. Questo è un suggerimento che dovrebbe sempre essere preso in  considerazione ma che quando si hanno dei tattoo è imprescindibile. Sì, perché il sole non solo potrebbe rovinare il disegno e, quindi, l’opera creata sulla propria pelle, ma potrebbe portare fastidiose scottature e irritazioni che sono sempre da evitare.

Proteggere il tattoo, quindi, ma come? Solitamente sui tatuaggi, così come sui nei, si consiglia di utilizzare un solare con un alto fattore di protezione. L’ideale sarebbe un SPF 50 per garantire alla zona tutta la protezione necessaria. Questo vale soprattutto nel caso in cui il tattoo si trova in una zona molto esposta e non nascosta o protetta dal costume, ad esempio.

La crema va riapplicata con costanza, almeno ogni 3 ore, insistendo particolarmente sulle zona tatuate. Dopo l’uscita dall’acqua, sia essa quella di una piscina o del mare, è utile riapplicare la crema per avere la sicurezza di essere protetti a dovere. In questo modo si potrà avere la certezza di preservare sia la zona che il disegno da irritazioni, scottature, allergie. Il consiglio in questione vale anche per i tatuaggi più vecchi. Anche quelli hanno bisogno di essere protetti esattamente come il primo giorno.

Cosa fare, invece, con dei tatuaggi appena fatti. Il consiglio è sempre lo stesso: si dovrebbe evitare di tatuare la pelle abbronzata. Tuttavia, se proprio ci si vuole fare un tattoo a ridosso dell’estate, si deve prestare particolare attenzione durante i primi giorni. I consigli del tatuatore per la cura del tattoo dovranno essere seguiti con attenzione. In un primo momento sarà fondamentale non esporre il tatuaggio al sole. Si consiglia, infatti, di evitare l’esposizione per almeno 3 settimane. La crema solare non potrà essere applicata prima di quel lasso di tempo, perché la zona dovrà prima guarire.

Contravvenire a queste indicazioni date del tatuatore potrebbe essere molto pericoloso per chi ha un tatuaggio appena fatto ma non solo. Sono tips da seguire sempre nel momento in cui si decide di esporre al sole il proprio tattoo. Come sempre si consiglia, la cura della pelle prima dell’esposizione ai raggi solari è fondamentale per la salute a 360 gradi e non solo per la bellezza del tatuaggio in sé.