Cosa fare se compaiono croste sul tatuaggio: i consigli utili

7739
croste tatuaggi

Cosa fare se compaiono croste sul tatuaggio: i consigli utili

Tutto quello che concerne la cura di un tatuaggio è sempre un argomento decisamente molto discusso. Sono tantissime le persone che si fanno domande in merito e, proprio per questo motivo, è importante cercare di fare chiarezza.

Si deve sottolineare che ogni tatuatore tende a consigliare quelle che sono le pratiche migliori da seguire secondo il suo parere e la sua esperienza anche se ci sono dei punti fermi che sono imprescindibili.

Del resto, quando si parla di cura dei tattoo è necessario prestare la massima attenzione e prendere tutte le precauzioni del caso. Possono sorgere dei piccoli problemi o, comunque, possono verificarsi situazioni che allarmano il tatuato, specialmente quello alle prime armi.

Ecco, quindi, che è bene fare chiarezza su alcuni punti, dando dei consigli che possono tornare decisamente utili.

 

Croste sul tatuaggio: cosa fare e perché compaiono

Un valido esempio di cui discutere è quello della comparsa di croste sul tatuaggio. Perché compaiono e cosa fare quando accade?

La prima cosa da dire è che il tatuaggio deve subire un processo di guarigione e che, all’interno di quest’ultimo, le croste sono normali. Non ci si deve, quindi, spaventare se compaiono delle piccole croste sul tattoo, dato che questo significa che sta guarendo. Bisogna, tuttavia, capire in che periodo dell’iter di guarigione è normale che appaiano.

Sono tante le domande in questo senso anche se, è bene dirlo, la risposta non può essere una sola, dato che non esiste un momento preciso in cui compaiono le croste. Solitamente queste tendono a palesarsi una settimana dopo l’esecuzione del tatuaggio ma, come detto prima, non si tratta affatto di una regola fissa.

Cosa accade quando compaiono le prime crosticine sul tattoo? Questo perde brillantezza e diventa più opaco. Molte persone si spaventano vedendo questo cambiamento, a volte repentino, iniziando a pensare che qualcosa stia andando storto. Non è così: semplicemente il tatuaggio sta facendo il suo percorso verso la guarigione. Alla fine di quest’ultimo apparirà esattamente come deve essere, perfetto proprio come è stato immaginato e desiderato.

Il consiglio, quindi, è quello di seguire pedissequamente quelli che sono gli step consigliati dal tatuatore nel momento in cui si è andati a farsi tatuare, così da non avere problemi. Le croste non vanno toccate e, soprattutto, non si devono togliere con la forza: cadranno da sole quando è arrivato il momento.

La zona deve sempre essere idratata e trattata con cura e attenzione: no allo sfregamento troppo forte con l’asciugamano, ad esempio. Si deve fare molta attenzione e tamponare il tattoo con cura e delicatezza. Inoltre, come detto, si devono applicare i prodotti suggeriti dal tatuatore per preservare la perfezione del disegno e per accelerare il percorso di guarigione. Non bisogna, però, avere fretta e bruciare le tappe, altrimenti si rischia di andare a rovinare quello che dovrebbe essere l’effetto finale.

Un tattoo va curato e trattato bene: solo in questo modo sarà possibile avere sulla propria pelle una vera e propria opera d’arte, espressione di un sentimento, di un qualcosa di importante, di un messaggio o di qualsiasi cosa si desideri.

 

Link all’immagine: https://www.rappler.com/newsbreak/iq/228248-how-easy-to-get-tattoo-removed